FLASH

Arriva il circo, città tappezzata da manifesti abusivi. Ambientalisti sul piede di guerra: “Uno scempio”

circoL’arrivo del circo ogni volta porta con sé polemiche e malcontenti. Sul piede di guerra nella maggior parte dei casi sono gli animalisti, che si battono per i diritti degli animali e, quindi, per la possibilità di un circo che faccia a meno di loro. Questa volta, però, l’indignazione arriva prima ancora che il circo inizi gli spettacoli. Il motivo è presto detto: affissioni abusive in tutta la città.

In effetti i manifesti rosa e gialli, in questi giorni a Campobasso, saltano agli occhi anche dei più distratti, perché occupano i posti più impensati del capoluogo. Non solo cabine telefoniche in disuso, muri dei palazzi, recinzioni, ma anche i segnali della Seac che indicano la fermata degli autobus o, addirittura, tutte le aree verdi nei pressi di viale Manzoni dove, in barba a qualunque regolamento, ovunque è ben visibile la cartellonistica pubblicitaria abusiva.

Ad alzare il sipario sulla questione sono stati gli ambientalisti di Fare Verde e l’attivista Simone Cretella, che è anche consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle.

Ciò che si chiede al Comune sia da parte dei volontari che da parte delle minoranze è la rimozione di ogni singola locandina abusiva. Una richiesta alla quale sottende, inoltre, una presa di posizione ben più precisa che condanna simili “spettacoli altamente diseducativi per bambini e ragazzi, dove la pratica del maltrattamento degli animali è all’ordine del giorno”.

In realtà, Campobasso non è l’unica città italiana dove sia avvenuta una cosa del genere. In numerosi altri posti del Belpaese simili organizzazioni sono state multate proprio per lo stesso motivo.

fa

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 4523 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.