FLASH

Si punta sul marketing territoriale per i prodotti made in Campobasso. Ora una Denominazione Comunale di Origine li certifica

Il Castello Monforte

Il Castello Monforte

Promuovere le eccellenze locali e nel contempo la città di Campobasso attraverso una Denominazione Comunale di Origine (DE.C.O.). Più che un marchio si tratta di una carta d’identità che permette di creare un indissolubile legame tra un prodotto e il territorio dal quale è nato. È questa la funzione di DE.C.O. il cui regolamento è stato approvato nel corso dell’ultimo Consiglio comunale che si è svolto lunedì 15 maggio.

La Denominazione Comunale si configura come uno strumento di marketing territoriale, ma anche come un’importante opportunità per il recupero e la valorizzazione delle identità locali. In quello che può essere definito come ‘Paese dei Comuni’,  ogni amministrazione viene chiamata a promuovere  il turismo, la cultura, i  sapori e l’unicità dei diversi centri. Tuttavia, affinchè la Denominazione Comunale possa essere davvero efficace esige rigore e scientificità. Ecco perchè dopo l’approvazione avvenuta nell’aula di Palazzo San Giorgio tocca ora poter affrontare tutti i passaggi regolamentari per dar vita ad un albo nel quale andranno a confluire i prodotti tipici campobassani.

“In qualità di presidente della Commissione consiliare alle Attività produttive del Comune di Campobasso – le parole di Antonio Molinaro – non posso che esprimere viva soddisfazione per l’approvazione, avvenuta all’unanimità dei presenti, del regolamento comunale in merito alla DE.C.O. È stato un lavoro proficuo e certosino, attento e faticoso, che ha visto il coinvolgimento di tutta la Commissione nel corso delle varie sedute durate le quali l’argomento è stato affrontato con attenzione per garantire un ottimo strumento di promozione della produzione locale ricca di quelle caratteristiche tipiche legate alla città di Campobasso. Intanto, – ha proseguito –  intendo rivolgere un ringraziamento particolare ai proponenti della proposta: i consiglieri comunali di Democrazia Popolare Francesco Pilone e Marialaura Cancellario che, sin dall’inizio, hanno creduto nell’idea sostenendola con forza e determinazione, coinvolgendo l’intero organismo consiliare. Un grazie all’assessore alle Attività Produttive Salvatore Colagiovanni che, insieme al sottoscritto, ha fatto propria l’iniziativa seguendo tutti i necessari passaggi. Ma un particolare ringraziamento va alla struttura comunale alle Attività Produttive che ha sviscerato il progetto in ogni sua parte, apportando contributi tecnici e normativi utili ad una corretta implementazione sulla realtà tipica campobassana. Sono convinto che solo attraverso un reale confronto costruttivo e sinergico sia possibile, al di là delle appartenenze e dei ruoli, contribuire alla crescita del nostro territorio. Obiettivo a cui tiene in particolar modo il sindaco Battista. Oraconclude il presidente della commissione consiliare Attività Produttive Antonio Molinari ci tocca procedere a tutti i passaggi regolamentari per dar vita ad un albo ricco di prodotti tipici campobassani. È questo il nostro augurio ed è questo il fine a cui mira l’amministrazione di Palazzo San Giorgio”. 

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2017 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.