FLASH

Riqualificazione delle periferie, Campobasso si candida al Programma straordinario del Governo

Referendum anti-trivelle

Palazzo San Giorgio, sede del Municipio di Campobasso

È stata approvata ieri mattina, martedì 26 luglio, dalla Giunta di Palazzo San Giorgio, la delibera con la quale il Comune di Campobasso si candida, con una serie di progetti, alla selezione indetta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per la predisposizione del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia.

Programma di interventi per 500 milioni di euro. Un’occasione per il capoluogo molisano che, attraverso progetti mirati, potrebbe migliorare le zone a ridosso dal centro. In buona sostanza il Programma straordinario prevede azioni volte alla riqualificazione del tessuto urbano senza andare a consumare altro suolo. Il tutto ruota attorno alla necessità di puntare sulle opere già esistenti che potranno avere una seconda vita. Un ruolo determinate per migliorare lo stato delle periferie lo avranno anche i nuovi modelli di welfare e i progetti per il potenziamento della sicurezza e dei servizi del terzo settore.

Attraverso un avviso il Comune invita, quidi, i soggetti pubblici e privati, comunque interessati, a manifestare interesse alla partecipazione al programma denominato “La periferia come centro”, in conformità al bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 25 maggio scorso e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale numero 127 del 01 giugno 2016, attraverso la presentazione di proposte di intervento coerenti con le norme del bando stesso e con i criteri precisati nell’atto deliberativo della Giunta Municipale. Le proposte d’intervento dovranno essere conformi agli strumenti urbanistici vigenti e compatibili con i vincoli di tutela dei beni culturali, ambientali, paesistici, ecc.

Da Palazzo San Giorgio fanno sapere come le proposte di partecipazione, unitamente agli altri documenti richiesti nel presente avviso, dovranno pervenire al protocollo del Comune di Campobasso sito in Piazza Vittorio Emanuele II numero 29, a mezzo di plico chiuso e controfirmato sui lembi di chiusura, entro e non oltre le ore 13 del giorno 12 agosto 2016, a pena di inammissibilità.

Le proposte valutate rispondenti agli obiettivi dell’Amministrazione comunale, ai contenuti del bando e ai criteri del presente avviso, sono assoggettate alla stipula di un preliminare protocollo di intesa tra il Comune di Campobasso e il soggetto proponente, per il raggiungimento degli obiettivi fissati dal programma. Nel caso di ammissione del programma  i soggetti proponenti si impegnano a sottoscrivere apposita convenzione corredata da idonea polizza fidejussoria a garanzia dell’investimento da realizzare in misura non inferiore al 10% del medesimo investimento.

Da Palazzo San Giorgio ricordano che nulla è dovuto dall’amministrazione ai soggetti proponenti sia in caso di mancato inserimento delle proposte nel programma, sia in caso di inserimento. Il recepimento delle proposte non costituirà in ogni caso approvazione della proposta di intervento, la cui effettiva attuabilità è condizionata alla positiva conclusione dell’intera procedura di approvazione e finanziamento del programma.

In caso di non ammissibilità dell’intero programma, o nel caso in cui l’ammissibilità del programmi comporti l’esclusione della proposta presentata, la stessa è da considerarsi automaticamente decaduta.

La delibera è già consultabile sul sito internet del Comune di Campobasso.

 

 

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2017 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.