FLASH

Targa del Matese, ai fratelli Cappella la gara di regolarità del Classic Car Club Molise: un fine settimana tra sport, cultura e turismo tra le più suggestive strade molisane

Targa del Matese: la partenza lungo Corso Vittorio Emanuele a Campobasso

Targa del Matese: la partenza lungo Corso Vittorio Emanuele a Campobasso

Un fine settimana di un evento storico, che si ripete da anni, tanto da aspettarlo con entusiasmo: la Targa del Matese, gara di regolarità con strumentazione libera, nata nel lontano 1930, ripresa successivamente nel 2007 dal Classic Car Club Molise, unico club della nostra regione federato ASI (Automotoclub Storico Italiano). Grazie alla infaticabile dedizione e acuta professionalità di Roberto Ivella, grande esperto di gare di regolarità e vincitore di molti premi, questo evento porta ogni anno nel nostro Molise un numero consistente di auto d’epoca provenienti da ogni angolo d’Italia i cui equipaggi, in modo appassionato, si dedicano per due giorni ad un numero considerevole di prove lungo le strade più affascinanti della nostra terra.

Quest’anno la nona edizione della Targa del Matese è stata patrocinata dall’assessorato allo Sport del Comune di Campobasso e inserita negli eventi dell’estate della città.

Lo start, sabato 23 luglio: auto di ogni epoca (Peugeot 401 del 1933, MG TC del 1945, Triumph TR 3 B del 1962, per citarne solo alcune), tutte pronte lungo Corso Vittorio Emanuele, con emozione hanno effettuato le prime prove proprio nella strada principale di Campobasso, coinvolgendo i presenti e dando la sensazione di assistere a qualcosa di unico per il genere.

Il presidente del Classic Car Club Molise, Pietro Gabrieli, ha reso nota la lunghezza totale del percorso: circa 190 chilometri con un totale di 60 prove rilevate con pressostati al centesimo di secondo.

I concorrenti partecipanti appartengono ad ogni fascia di età: ed è curioso vedere come e, forse, soprattutto i più maturi sono muniti, nelle loro auto, di impianti computerizzati , per cercare di percorrere i tratti destinati alle prove nei  tempi imposti dai radar che il Club fornisce nel momento della partenza.

Le strade percorse nella prima giornata sono state suggestive: paesaggi brulli, natura incontaminata, hanno fatto da cornice a questo evento rendendolo ancora più accattivante per la scoperta da parte dei concorrenti non molisani di un pezzo dell’Italia a volte dimenticato ma non per questo non prezioso; un Molise che, invece, per i partecipanti del posto viene ancora più amato perché ammirato da un’auto d’epoca.

Una pioggia insistente ha colto il folto gruppo di auto d’epoca impedendo, come invece previsto dal programma,  la visita del sito archeologico di Pietrabbondante. Pur sfidando le intemperie, i concorrenti si sono comunque dimostrati entusiasti delle strade percorse e lo hanno manifestato quando, in serata, rientrati a Campobasso, ogni equipaggio è stato intervistato lungo Corso Vittorio Emanuele dal giornalista dell’ASI, Nanni Cifarelli.

Nella seconda giornata, domenica 24, le altre 30 prove sono state affrontate dai concorrenti, partendo dal capoluogo e diretti verso Civita di Bojano: anche qui i partecipanti sono rimasti piacevolmente sorpresi dal paesaggio che rende il nostro Molise una terra da amare.

A ora di pranzo, a Campobasso, sono stati resi noti i vincitori della nona edizione della Targa del Matese: i fratelli Cappella, su Autobianchi A112 del 1975, si sono aggiudicati la targa realizzata in legno e che ricorda l’edizione del 1930.

targa del matese 2016 premiazioniPiazza d’onore per l’equipaggio Paciaroni-Carnevali su Autobianchi A112 del 1974, gradino più basso del podio per la coppia Mazzella-Marrocco su Autobianchi A112 del 1972.

Al quarto posto il duo De Rita-De Vecchis su Alfa Romeo GT 2000 del 1972, mentre in quinta posizione sono giunti Corinti e Paisiello su Porsche 911 del 1973.

Hanno preso parte alla due giorni l’assessore alla Cultura del Comune di Campobasso, Emma de Capoa, che ha apprezzato l’evento per la sua puntuale organizzazione e per l’annesso fine turistico-culturale;  il vice-presidente dell’ASI, Pietro Piacquadio, e il delegato ASI, Marco Nocchi, entrambi compiaciuti per la perfetta riuscita della manifestazione.

L’appuntamento è per il 2017 con la decima edizione della Targa del Matese, occasione per coniugare l’evento sportivo della gara con l’aspetto culturale che il Classic Car Club ormai ha fatto proprio con i suoi eventi  destinati ad approfondire la conoscenza della nostra terra.

Rossella De Rosa Morgante

La galleria fotografica (foto di Rossella De Rosa Morgante)

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

© 2017 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.