FLASH

‘L’a-Dio’: il libero pensiero contro le intolleranze nel libro di Sante Biello

Lo scrittore Sante Biello

Lo scrittore Sante Biello

MARCO MASCIANTONIO

A prima vista sembra di trovarsi di fronte ad un lavoro d’élite: quelli dove in pochi possono riuscire a capirne il vero significato. Ma leggendo stralci e, soprattutto, ascoltando le parole dell’autore “L’a-Dio” risulta essere tutto, tranne che un libro d’élite. Abbiamo ascoltato proprio l’autore Sante Biello (sante.biello@gmail.com), casacalendese laureato in Filosofia alla “D’Annunzio” di Pescara, docente di Lettere e Filosofia nelle scuole private e pubbliche di Padova e Campobasso, e da sempre attratto dai concetti filosofici che legano l’uomo alla figura di Dio. Domani, sabato 7 giugno, alle ore 18 presso i locali della Fondazione Caradonio-Di Blasio di Casacalenda, e il 29 giugno, sempre alle ore 18, a Castelbottaccio presso il Circolo neoilluminista “Donna Olimpia Frangipane”, ci sarà la presentazione del libro di Biello. Un’occasione per approfondire i temi che noi di www.cblive.it abbiamo anticipato scambiando due chiacchiere con l’autore.

“Innanzitutto grazie a CBlive per avermi ospitato tra le sue colonne online e l’interesse che mostra verso la cultura in generale. Per realizzare questo libro ho lavorato ininterrottamente per circa un anno. In realtà avevo sempre pensato di scrivere temi che riguardassero l’idea di Dio nella storia del pensiero umano, il problema del male, il rapporto tra Chiesa e scienza e tutti quei temi esistenziali che riguardano ognuno di noi. Fin dagli anni dell’Università, ho acquistato e conservato libri, articoli e riviste che mi hanno consentito di portare a termine questo lavoro”.

Ci può spiegare la natura del titolo del suo libro: l’a-Dio, il suo significato da spiegare a chi non ha mai letto una virgola di storia e filosofia… “Ho utilizzato l’alfa privativo per sintetizzare un concetto chiave, cioè la “negazione di Dio” che filosofi e scienziati hanno argomentato e sviluppato, dai presocratici fino ai nostri giorni. La “a” quindi, posta come suffisso, indica proprio la negazione, la mancanza, la privazione”.

Come mai ha scelto una maschera per la copertina del suo libro? “La maschera ha un significato molto ampio e nello stesso tempo di grande forza simbolica. Ci sono stati uomini costretti ad indossarla per salvarsi la vita, per evitare le torture, la prigione e molto spesso hanno pubblicato le loro opere sotto falso nome come d’Holbach o lasciando il loro testamento come Meslier per fare solo qualche esempio. Tantissimi invece hanno rifiutato di indossare una maschera sapendo di andare incontro alla morte, ma hanno continuato a sostenere le loro idee di tolleranza e di libertà di pensiero come Socrate, Protagora, Ipazia, Bruno e tanti altri. Molti filosofi, scrittori e scienziati hanno pubblicato le loro opere pur sapendo di finire nell’Indice dei libri proibiti (Index librorum prohibitorum) e qui l’elenco sarebbe lunghissimo. Ciò che è drammatico constatare invece è che il Mein Kampf di Adolf Hitler e i libri di propaganda nazista non furono mai messi all’Indice. E poi ci sono gli uomini “banali” come dice Anna Harendt, che indossano una maschera senza sapere di averla, commettendo crimini atroci come i gerarchi nazisti, i militari dei regimi comunisti e tutte quelle persone che hanno condiviso e servito le dittature e gli estremismi religiosi e che ancora oggi purtroppo sono presenti in gran parte del mondo”.

Qual è l’idea del libro? “Questo libro vuole essere soprattutto una difesa del libero pensiero e di quegli uomini che hanno lottato per la libertà e il progresso scientifico; vuole essere un omaggio a tutte quelle donne che hanno subìto indicibili sofferenze e discriminazioni. È un libro contro coloro che credono di avere la verità in mano, contro quei principi assoluti che spesso hanno generato, e generano intolleranze inaudite”.

La fotogallery

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

Risposte to "‘L’a-Dio’: il libero pensiero contro le intolleranze nel libro di Sante Biello"

  1. Fabrizio scrive:

    comprero’ sicuramente il libro, deve essere molto interessante

  2. Gp scrive:

    Lo leggerò con piacere

  3. alberto scrive:

    Deve essere un libro davvero interessante. Vedrò di esserci. Sono domande che ognuno di noi si è posto almeno una volta nella vita.

    • Sante Biello scrive:

      E’ proprio così, ognuno di noi si pone domande sul bene e sul male, sulla vita e sulla morte, se Dio esiste o meno e così via. Grazie Sante

  4. lorella scrive:

    condivido in pieno cio che il signor Sante Biello dice ognuno deve rispettare l idea dell’ altro e guardarsi dentro di noi li troviamo le risposte a tutto , la maschera purtroppo la portano tantissimi pk hanno paura ad essere giudicati ,ma e proprio questo che bisogna rispettare l idea dell’ altro, il proprio pensiero deve restare tuo e non nascondere cio che si pensa grande sante un libro davvero interessante …… il confronto lo scambio di idee per me significa essere civili

  5. Matteo scrive:

    lo prendo, ma poi me lo autografi con dedica se no son guai… 😉

    • Sante Biello scrive:

      Certo che lo autografo. Domenica 29 giugno alle ore 18 presenterò il libro a Castelbottaggio, se sarà presente avro’ modo di scriverle anche una dedica. Sante

  6. maria scrive:

    Non vedo l’ora di acquistare il libro ! Complimenti Sante Bello.

  7. barbara scrive:

    e dopo il mondo di sofia, il nuovo bestseller filosofico!

  8. lorella scrive:

    Congratulazioni al mio carissimo Sante per aver scritto questo libro benchè siamo nel 2014 abbiamo ancora bisogno di dover combattere per i nostri diritti e per la nostra libertà…… purtroppo trovo ancora difficoltà e amarezza a trovare ” l’apertura mentale” in questo difficile e cinico mondo che ci circonda ogni giorno e ci mette alla dura prova con persone che crescono sempre di più indossando un “maschera”……. e ciò ci rende sempre di più scettici vulnerabili e patologici………………..

  9. Mario scrive:

    Bravo Sante…. complimenti sinceri per questo tuo lavoro. Un libro che sicuramente lascerà dubbioso anche il più fervido credente. Tratta diversi e interessanti aspetti nonché autori di qualsiasi epoca dalle origini del pensiero filosofico ai giorni nostri e questa tua denuncia dell’invadenza oppressiva religiosa nei confronti della ricerca di verità tipico di un vero pensiero libero è da apprezzare molto. La tematica della maschera rivela la debolezza umana di scendere continuamente a patti, nel corso di ogni epoca, con qualsiasi forma di potere istituzionalizzato…. una debolezza umana che si auto-limita col barattare il proprio silenzio in cambio di una apparente e misera collocazione nella società. Ma questo purtroppo porta a impoverire inesorabilmente la dialettica del confronto tra uomini liberi facendo perdere l’obiettività delle cose e la vera essenza del rispetto umano al di là di qualsiasi credo o potere politico-economico. E’ da notare inoltre il tuo linguaggio semplice e conciso che rende la lettura piacevole e accessibile a chiunque voglia mettersi in gioco con le proprie certezze o aspettative. Consigliatissimo!!!

  10. Franco scrive:

    Ho avuto la fortuna di partecipare all’evento di sabato scorso a Casacalenda…indimenticabile!!!
    Ho comprato il libro e lo sto leggendo con molta attenzione. Grazie dott. Biello per il lavoro che ci ha regalato e che, sicuramente, darà un sacco di risposte a tutti quelli che si fanno domande esistenziali.
    Sono curioso di sapere se ci saranno altre presentazioni in giro.
    Grazie

    • Sante Biello scrive:

      Caro Franco la ringrazio innanzitutto per la sua presenza e spero che troverà interessante la lettura. Domenica 29 giugno alle ore 18 presenterò il libro a Castelbottaccio presso l’associazione neoilluminista “Donna Olimpia Frangipane” e mi farebbe molto piacere la sua presenza. Sante

© 3032 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.