FLASH

Il 19 gennaio al Savoia un concerto per salvare la Corte d’Appello. Biglietti esauriti, evento in diretta streaming

corte d'appelloLa nascita di un Comitato unitario e un concerto contro la decisione di voler sopprimere la Corte d’Appello di Campobasso. Tra le numerose iniziative promosse per scongiurare un grave rischio per l’intero Molise, spicca la promozione del concerto gratuito dal titolo “Questa terra deve vivere”. Alle 21 di martedì 19 gennaio, al Teatro Savoia di Campobasso, si esibirà il gruppo storico della musica ethno rock: ‘Il Tratturo’. Si tratta di un gruppo che ha portato il nome del Molise nel panorama internazionale e i cui componenti, recandosi in vari paesi della terra Sannita, hanno studiato e raccolto per decenni musiche e canzoni popolari, traendone pubblicazioni in appositi volumi e rielaborandole, così da ottenere un originalissimo innesto tra la musica e gli strumenti tradizionali come zampogne, armoniche, flauti con l’ausilio di strumenti elettronici della musica rock e hard rock.

Il concerto i cui biglietti a disposizione sono terminati in poco più di un giorno, sarà visibile  in tutto il mondo attraverso la diretta streaming collegandosi al sito www.questaterradevevivere.it al quale chiunque potrà anche interagire mediante l’Hashtag Twitter: #questaterradevevivere .

Ad introdurre il concerto saranno l’arcivescovo metropolita di Campobasso-Bojano, GianCarlo Bregantini, e il rettore dell’Università degli Studi del Molise, Gianmaria Palmieri. Si tratterà di un evento non soltanto musicale, ma anche culturale e politico come servizio disinteressato per la collettività con l’obiettivo primario di unire e coinvolgere l’intero tessuto sociale attraverso il linguaggio universale della musica.

Al Comitato unitario, di cui fanno parte l’associazione nazionale Magistrati del posto, tutta la delegazione Parlamentare ed Europarlamentare, forze politiche di ogni colore, sindaci, presidenti della Regione e delle Province, il rettore e l’Università degli Studi, presidenti di tutti gli Ordini professionali, associazioni della società civile,  sindacati di imprenditori e lavoratori, oltre che tutti i media locali e persino gruppi musicali hanno aderito infatti, tutti  vescovi della Conferenza Episcopale Molisana.  Si tratta di un’organizzazione nata per battersi contro la paventata soppressione della Corte di Appello di Campobasso, che comporterebbe non soltanto l’automatica soppressione di altri Uffici giudiziari, ma anche la successiva probabile soppressione di ulteriori Uffici pubblici istituiti su base regionale e/o provinciale.

“Insomma, un perverso effetto domino – fanno sapere tutti coloro che hanno sposato la causa – la cui inevitabile conseguenza sarebbe la drastica riduzione della popolazione, con la conseguenza che anche gli enti privati (banche, assicurazioni, ecc.) chiuderebbero o ridurrebbero le loro sedi, con tutti i conseguenti effetti dirompenti sui commercianti, sugli imprenditori e sui liberi professionisti, costretti a loro volta a chiudere i propri uffici ed esercizi, con ulteriore crescita del tasso di disoccupazione”.

Oltre alla chiusura di importanti presìdi di legalità, tale decisione comporterebbe danni per l’intera economia locale ancor più gravi di quelli già subìti in questi lunghi anni di crisi economica.

La partecipazione al concerto, sia dal teatro che da casa, sarà un’occasione unica, per sensibilizzare le coscienze ed auspicare che l’esperienza degli “antichi padri” che hanno favorito l’autonomia, si rinnovi con maggior sintonia collettiva.

comments

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

© 6687 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.