FLASH

Niro esce allo scoperto sul rimpasto dell’esecutivo regionale dopo l’assemblea del Pd: “Si rispettino i patti, sì a una verifica complessiva di metà mandato, no a un’amorfa maggioranza numerica”

Vincenzo Niro, presidente del Consiglio regionale del Molise

Il consigliere regionale Vincenzo Niro

Il consigliere regionale Vincenzo Niro, nei primi due anni di legislatura Presidente del Consiglio regionale, dopo le dichiarazioni del governatore Frattura e del segretario regionale del Partito Democratico, Micaela Fanelli, durante e a margine dell’assemblea del Pd, esce allo scoperto e commenta le loro dichiarazioni in merito alla questione del quarto assessore della Giunta regionale.

“Micaela Fanelli – scrive Niroqualche giorno fa, riconoscendomi di aver lavorato bene e con impegno da presidente del Consiglio regionale, anche “in funzione di una maggioranza”, mi invitava comunque ad “andare fino in fondo” per portare a conclusione “il progetto comune”, facendo presente, in modo netto e preciso, a me e a “gli altri”,  che  “si sta in una coalizione anche senza ruoli, rinunciandovi, o con ruoli diversi”.

“Il discorso – prosegue Niro – che apparentemente sembra non fare una grinza, in realtà mi lascia un po’ disorientato, intanto perché mi piacerebbe sapere chi sarebbero ‘gli altri’ che come me e il mio partito, al momento, non hanno alcuna visibilità politica, all’interno della Regione Molise. A me sembra che a tutti “gli altri” sia stato assegnato un ruolo, una funzione, una rappresentanza senza distinzione di meriti e valori, salvo che non si faccia riferimento alla minoranza. Sull’argomento dell’assegnazione della delega di assessore regionale, che da mesi il presidente della Giunta ha avocato a sé, a seguito delle dimissioni di Scarabeo, ritengo ora necessario fare chiarezza ricordando ai diretti protagonisti quanto detto prima che questa legislatura iniziasse. Sintetizzo subito il concetto guida delle mie considerazioni: rispetto per i patti pre-elettorali”.

“Dico patti (e non accordi), perché – il lungo sfogo di Niro allora alla parola seguì apposito documento, firmato proprio da Paolo di Laura Frattura unitamente all’allora segretario regionale del PD, Leva, nel quale risultava chiaro a tutti che la formazione di una coalizione vincente richiedesse degli accordi di programma, ma anche delle scelte sull’esecutivo chiamato a governare la Regione Molise. In quell’esecutivo compariva il mio nome; ero destinato a ricoprire il ruolo di assessore e  voglio precisare che l’incarico poi assegnatomi, quello di Presidente del Consiglio Regionale, non è stato, come pure ha fatto intendere qualcuno, un ‘premio’, casomai una scelta compensativa (non voglio certo definirla un ‘ripiego’) momentanea, proprio perché il Presidente, a cui spettano in esclusiva le nomine degli assessori, non aveva inteso più collocarmi nell’esecutivo di palazzo Vitale, ed anche allora per problemi connessi agli equilibri politici interni al suo partito. Per spirito collaborativo ho accettato l’incarico; ma era chiaro a tutti allora, anzi era addirittura stato scritto in documenti ufficiali, che la rappresentanza per il partito che mi aveva eletto in Consiglio Regionale fosse da intendere per tutto il corso della legislatura, non a scadenza intermedia. Mi fa sorridere – le parole di Vincenzo Niro – l’affermazione del presidente Frattura, che con il successivo ingresso di “Rialzati Molise” l’accordo sarebbe cambiato, con la previsione di dividere un posto (non si comprende se tra le diverse cariche regionali o proprio quella di Presidente del Consiglio) tra le forze moderate della coalizione. È stata anche questa, molto probabilmente, una delle tante decisioni assunte dal presidente senza alcun preventivo confronto e mi viene da pensare, inoltre, che se anche l’UDC, come era in procinto di fare, fosse entrata in coalizione la carica di Presidente del Consiglio l’avremmo dovuta dividere in tre; con la dichiarazione del presidente Frattura viene, però, almeno  confermato un fatto e cioè che fummo i primi ad aderire alla  allora costituenda coalizione”. 

“In questi giorni – prosegue la nota stampa – è stato anche più volte ripetuto dai vertici del PD regionale che quella delega dovrà essere assegnata ad un esponente della provincia di Isernia, per una sorta di “riequilibrio territoriale”, un’argomentazione fondamentalmente contraddittoria in quanto riconoscerebbe ad un consigliere regionale, per altro di una piccola regione, qual è il Molise, una rappresentanza parziale del territorio, assolutamente non confacente ad un ruolo che non può che avere una visione complessiva delle criticità regionali. Quindi, ritengo che la questione debba essere considerata esclusivamente sotto l’aspetto programmatico e politico e allora, sono pronto a raccogliere l’invito del segretario regionale del PD “ad andare fino in fondo” per portare a conclusione “il progetto comune”, ma anche gli accordi politici non possono e non devono essere cambiati in corso d’opera a seconda delle convenienze di un partito o dell’altro o, peggio ancora, per soddisfare appetiti interni ad una singola sigla politica. Non bisogna dimenticare, a supporto del principio che i patti vanno onorati, che lo stesso segretario regionale del PD, lo scorso 26 ottobre, riunì i propri eletti di partito in Consiglio regionale per chiedere il rispetto degli impegni assunti con l’allora consigliere Cotugno, per l’elezione di questi a Presidente del Consiglio”.

“Il PD – scrive ancora il consigliere regionale Vincenzo Niro – rivendica l’assessorato ed ‘impone’ l’assegnazione ad un esponente di Isernia: sbagliato, perché il PD chiede o propone qualcosa, che poi dovrà essere discusso all’interno di una coalizione, tenendo conto della genesi della coalizione stessa. Dico ciò perché da mesi si ha l’impressione che si voglia identificare il centro sinistra solo con la sigla politica maggiore; quella che ha già “in squadra”: il Presidente della Giunta Regionale, il suo vice ed assessore (che proprio in questi giorni ricorda l’impegno condiviso tra Il Presidente Frattura e il PD di una verifica e riflessione complessiva da fare a metà mandato) e già, in un certo modo, un secondo assessore, seppur candidato con un movimento civico, spesso pubblicamente delegato in rappresentanza del PD, tant’è che ieri è stato presente ed ha partecipato all’assemblea del PD”.

“Questa sorta di oligarchia – evidenzia Niro – trova conferma anche nelle ultime nomine di competenza regionale (al PD è stata assegnata la presidenza di Molise Dati, il vertice della Protezione Civile e lo stesso partito ha già chiesto anche quella della FinMolise, solo per citare le ultime in ordine temporale). Sottolineo, infine, che fu il nostro partito ad avviare il dialogo con sigle politiche provenienti da esperienze differenti, sollecitando aperture all’ala moderata con garanzia di parità di trattamento, per affrontare la dura battaglia elettorale, che portò il centrosinistra alla vittoria dopo tre lustri di governo da parte dell’aggregazione politica opposta; e non mi sembra, anche razionalmente, motivabile, oggi,  il mancato rispetto degli accordi presi solo con il cambio della guardia nella segreteria regionale del PD; come a dire: gli impegni presi da Leva non valgono più, perché il segretario adesso è Fanelli, che non condivide le scelte fatte dal suo predecessore. Allora ricordo a tutti – ribadisce Niro – che gli impegni furono sottoscritti soprattutto dal Presidente della Giunta Regionale che unitamente al suo partito ne avrebbe dovuto garantire il rispetto. Non so se sarà così, ma mi permetto di far presente, sia al presidente Frattura che al segretario Fanelli che, stando gli elementi dirimenti la questione della nomina del quarto assessore regionale nella semplice lettura dei documenti, e non in libere ed avventurose interpretazioni, sarebbe più opportuno in analogia con quanto ricordava, internamente al partito, l’assessore Pietraroia, aprire ad una fase di verifica complessiva di metà mandato all’interno dell’intera coalizione, così come richiedono i distinguo e le posizione critiche, qualcuna di totale rottura con il Governo regionale e con il partito di maggioranza relativa, che emergono nelle forze di coalizione e all’interno dello stesso Partito Democratico. Non posso pensare – conclude Niro – di seguire un programma politico regionale che non scaturisca dal consenso delle forze politiche che lo hanno pianificato e che trovi invece ragione di continuare ad esistere potendo contare esclusivamente su una amorfa maggioranza numerica in consiglio, finché si troveranno risorse materiali per alimentarla”.

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 9934 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.