FLASH

La Su e Giù si correrà ‘sui sentieri del tempo’. Alzato il sipario sulla 42^ edizione della manifestazione podistica di Campobasso

Un momento della presentazione della 42^ Su e Giù

Un momento della presentazione della 42^ Su e Giù

Alzato il sipario sulla ‘Su e Giù’, kermesse podistica non competitiva che si correrà domenica 15 novembre 2015, organizzata dal Gruppo Sportivo Virtus. Il tema dell’edizione numero quarantadue è “Sui sentieri del tempo”, un omaggio alle tradizioni popolari molisane.

La serata di presentazione è stata un susseguirsi frenetico di emozioni, a partire dall’introduzione con l’attore campobassano Giorgio Careccia, il quale ha interpretato una poesia del poeta Antonio Manocchio, accompagnato dalla zampogna del musicista riccese Giuseppe ‘Spedino’ Moffa.

Da lì il via alle premiazioni, intervallate da momenti di vera suggestione, come la presenza in sala di Armando Marinelli, titolare dell’omonima Fonderia Pontificia di Agnone, che ha consegnato al sodalizio campobassano una campana personalizzata per l’evento.

Sul palco dell’auditorium dell’ex Gil, in scena del Diavolo di Tufara che, accompagnato dalle tradizionali comparse e suonatori, ha acceso gli animi degli esterrefatti spettatori con le sue caratteristiche movenze isteriche su ritmi antichi della tradizione. E poi ancora i riconoscimenti a tutte le pro loco ed associazioni che animeranno la mattinata della gara: Le ‘Ndocce di Agnone, le traglie di Jelsi, i mattacchini di Mirabello Sannitico, gli zampognari di San Polo Matese, la Polifonica Monforte di Campobasso, il Cenacolo culturale di Agnone, i Misteri di Campobasso e il diavolo di Tufara.

Il pubblico dell'ex Gil

Il pubblico dell’ex Gil

Momento importante della serata è stato l’intervento di Ilaria Jovine, nipote de celebre scrittore Francesco, che ha parlato del profondo legame tra l’uomo e la terra, argomento questo che verrà trattato nel suo documentario in fase di lavorazione intitolato “C’era una volta la terra”.

Non sono mancati poi i riconoscimenti a chi, nel corso dell’anno agonistico, si è distinto per impegno e messa in campo dei valori cari al gruppo sportivo Virtus.

Il premio per l’operatore sportivo dell’anno è andato a Daniele Fontana, mentre il riconoscimento di “atleta esemplare” è stato assegnato a Letizia Di Lisa.

Momenti di emozione si sono vissuti con l’assegnazione della medaglia d’oro in ricordo del compianto Nicola Palladino al tecnico Andrea Piscopo.

Il riconoscimento più ambito, “Sportivo dell’anno”, è stato appannaggio di Michele Quaranta, per il suo impegno in favore dello sport e dei bisognosi.

Saranno diverse le sorprese che attendono i partecipanti e i cittadini che, domenica 15 novembre, vorranno condividere un giorno di festa all’insegna dello sport più puro.

La pagina del giornale della 'Su e Giù'

La pagina del giornale della ‘Su e Giù’ (cliccare per ingrandire)

In occasione della ‘Su e Giù’ è uscito anche il numero 77 del periodico del Gruppo Sportivo Virtus. A pagina 9 anche un articolo del direttore responsabile di CBlive, Giuseppe Formato, dal titolo ‘La Su e Giù, spot del capoluogo regionale’. Riproponiamo anche qui il servizio.

Non c’è campobassano o cittadino di altro centro del Molise che nei quarantuno anni di storia non abbia preso parte alla ‘Su&Giù’, come partecipante o come spettatore, magari ad aspettare il proprio figlio o il proprio consorte all’arrivo ad accoglierlo per fare il ritorno a casa dopo una mattinata di sport e allegria.

La manifestazione podistica di una delle società molisane più longeve, la Virtus Campobasso, resiste al tempo: quarantadue edizioni nel 2015 e tutte con lo stesso fascino. Anzi, a differenza di ciò che col tempo tende a logorarsi, la ‘Su&Giù’ è capace di trasformarsi e adattarsi alla tirannia degli anni che, inesorabilmente, trascorrono.

Il fiume di persone che invade la città di Campobasso a novembre è il primo, tangibile, segno che la ‘Su&Giù’ è una delle poche realtà che, non solo resiste negli anni, ma che riesce per una mattina a trasformare positivamente il capoluogo di una regione, il Molise, che ha prestato oltremodo il fianco alla crisi nella speranza di uscirne il prima possibile.

La corsa virtussina illumina il triste mese di novembre, generalmente freddo e uggioso, e lo fa sempre con senso di ottimismo e positività.

Lo sport a Campobasso e in Molise significa anche ‘Su&Giù’: basti pensare che chi arriva in città dalla zona Nord è accolto dall’ormai famosa scritta: “Campobasso, la città della Su&Giù”. Un segnale questo che i cittadini, anche i meno sportivi, sentono propria questa kermesse, come un’immancabile caratteristica della propria città.

La forza della ‘Su&Giù’ è dovuta anche al carattere non competitivo della manifestazione: sono tutti vincitori, è sufficiente tagliare il traguardo. A vincere, infatti, sono tutti coloro (e sono tanti) che, solitamente, conducono una vita sedentaria, ma che non rinunciano a indossare tuta e scarpette per percorrere Campobasso a piedi, come forse avviene soltanto la seconda domenica di novembre.

La ‘Su&Giù’ ha corso in quarantuno anni ‘sui sentieri del tempo’, anche perché come in un timelapse gli autunni trascorrono, la città si sviluppa, ma il percorso della manifestazione offre sempre uno spaccato di quella Campobasso bella, antica e da valorizzare. E la ‘Su&Giù’, nel corso dei decenni, è stato uno degli spot più importanti per il capoluogo molisano: sono migliaia le persone che, grazie alla Virtus Campobasso, hanno potuto ammirare questa città in alcuni tra i suoi spaccati più caratteristici.

Campobasso è anche la ‘Su&Giù’ e nemmeno i suoi padri fondatori nel 1973 avrebbero potuto immaginare tanta longevità, ma soprattutto mai avrebbero potuto soltanto minimamente sognare di stare per creare un evento sportivo, sociale e turistico, destinato a restare nella storia della ventesima regione d’Italia.

comments

Condividi questo articolo

Articoli Recenti

© 2017 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.