FLASH

Festival delle Arti per l’Infanzia: al via la rassegna in cui i protagonisti sono i bambini. Colori, magia, sapori, musiche e allegria per il ricco cartellone di appuntamenti

Conf stampa

Un momento della conferenza stampa di presentazione. Al tavolo Brunella Santoli insieme alla presidente di Molise Cultura, Antonella Presutti

‘Con un palmo di naso, festival delle Arti per l’Infanzia’ apre i battenti il prossimo giovedì primo ottobre, e promette meraviglie. Cinque giorni dedicati a più piccoli, una lista fittissima di eventi cuciti su misura per loro, ma buoni anche per i grandi. Spettacoli teatrali, letture, concerti, mostre, giocolerie, laboratori buoni da ascoltare e da mangiare: il denso programma del festival, ideato e curato da Brunella Santoli e guidato dallo spirito monello di Pinocchio, si srotolerà fra gli spazi dell’Auditorium della Fondazione Molise Cultura e il Teatro Savoia. La rassegna, che vede la compartecipazione dell’Unione Lettori Italiani e della Fondazione Molise Cultura, porterà a Campobasso grandi nomi della scena culturale italiana. L’occasione imperdibile, per una piccola città, di ospitare i bambini e le loro famiglie; di essere scoperta e visitata.

Le attività saranno concentrate dal 1 al 5 ottobre, eccezion fatta per la Mostra Pin’occhio che terminerà il 10 ottobre.

Un cartellone di eventi elaborato con metodo e che vedrà l’alternarsi di musica, teatro, laboratori e nel quale molto spesso i bambini, veri protagonisti, saranno direttamente coinvolti nelle attività.

Si parte il 1 ottobre alle 16:30, con ‘Il Gran Teatro dei Burattini’, una magica festa a sorpresa tra letture, giocolerie, musica ed altro ancora. Giusto il tempo di rientrare “in scena” e prepararsi all’inaugurazione delle mostre. La prima da “percorrere” sarà la mostra spettacolo Pin’occhio, evento di punta dell’intera manifestazione che, come anticipato, sarà aperta al pubblico per 10 giorni a partire dal 1 di ottobre.

Non una classica mostra o esposizione statica di opere questa, bensì un’installazione interattiva suddivisa in diversi quadri, ispirati al celebre racconto di Collodi. Il viaggio sarà condotto Jenny Burnazzi e prevede un percorso interattivo in compagnia della guida-narratore, nell’intento di coniugare creatività e valore educativo, attraverso l’incontro giocoso e il dialogo tra i linguaggi del teatro, della musica, dell’arte plastica e figurativa.
I viaggi saranno rivolti a gruppi di bambini di età compresa tra i 3 ed i 10 anni, su due appuntamenti mattutini ed uno pomeridiano, previa prenotazione.

A seguire l’inaugurazione della mostra ‘O mangi la minestra, o salti la finestra’. Un’esposizione per adulti e bambini, curata dalla casa editrice Interlinea, che propone un viaggio nella letteratura per l’infanzia sul tema dell’alimentazione e del gusto, attraverso quindici pannelli corredati dai testi degli scrittori per l’infanzia Roald Dahl, Collodi, Rodari, Luzzati, Piumini.

Alle 17:45, presso l’ingresso di Via Gorizia del Palazzo Gil, Flavio Presutti conduce il primo laboratorio in calendario. ‘Mani in pasta’, in collaborazione con lo sponsor Pasta la Molisana, permetterà ai più piccoli, attraverso il laboratorio manuale, di toccare l’impasto fatto a mano ed emulare il processo di lavorazione che vedranno eseguire durante la visita. Nel viaggio nel mondo della pasta i piccoli partecipanti mostrano grande attenzione anche nelle fasi più didattiche in cui, attraverso la guida, vengono fornite nozioni sull’educazione alimentare.

Alle 19:00, invece, all’interno dell’Auditorium di via Milano, il concerto ‘Overture des saponettes’. Ideato e diretto da Michele Cafaggi, si assisterà ad un intero spettacolo realizzato con le bolle di sapone che catturerà bambini, ragazzi ed adulti con improbabili strumenti musicali da cui escono bolle invece che musica, con tunnel di bolle e creazioni d’aria e sapone di ogni forma si possa immaginare.   Uno show, questo che in Italia continua a riscuotere un enorme successo ed apprezzamento da parte di un pubblico esigente come quello dei più piccoli.

Il 2 ottobre, alle 11:00 nel Teatro Savoia, un nuovo spettacolo di Michele Cafaggi, l’Omino della Pioggia, con le musiche di Davide Baldi. Un divertente appuntamento riservato al pubblico delle scuole. Il Signore delle Bolle (di sapone) porta in scena gli imprevisti di un uomo, sorpreso da un violento temporale, che non trova riparo dall’acqua nemmeno una volta giunto nella sua abitazione. Spettacolo senza parole ma ricco di fantasia, poesia, tecniche di nuovo circo, pantomima, musiche originali e tanti esperimenti con le bolle. Un viaggio fantastico e visuale verso l’alba e verso il sereno accompagnati dalla magia delle piccole cose e da spettacolari effetti con acqua e sapone.

Alle 16:15, nei locali della Gil, un nuovo laboratorio creativo, con Ilenia ed Andrea Speranza, ‘La cucina delle Fiabe’ durante il quale i piccoli partecipanti con magia e giocoleria si cimenteranno nella preparazione di piccoli dolci.

Alle17:30, appuntamento con le ‘Letture in tavola’. Gli scrittori Anna Vivarelli e Guido Quarzo, entrambi vincitori del Premio Andersen, narreranno le vicende e le disavventure di due personaggi che hanno a che fare con il cibo e le peripezie connesse alla preparazione di un piatto. Appuntamento imperdibile per i più piccoli.

A seguire, alle 19:00, appuntamento per i più grandi, invece, sempre all’interno dei locali della ex-Gil. La scrittrice Anna Vivarelli, in un incontro aperitivo rifletterà sulla gastronomia e sulla cucina, partendo dai desideri culinari di Pinocchio e degli altri protagonisti della storia.
Un percorso che, partendo dalla fiaba di Collodi, diventa un itinerario culinario legato agli aspetti enogastronomici nazionali, in un excursus che tocca le varie tradizioni gastronomiche dell’Italia post unitaria, anche mediante il capolavoro di Pellegrino Artusi, scrittore–gastronomo, ‘La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene’.

Il 3 ottobre, alle 16:15, presso i locali di palazzo Gil, nuovo laboratorio creativo in compagnia Ilenia ed Andrea Speranza che con giochi e magie creeranno un vestito tra lo stupore dei bambini. ‘Strorie di stoffe e vestiti’ è rivolto ai bambini dai 4 anni in su.

Ore 19:00, nuovo appuntamento al Teatro Savoia, con il ‘Concerto interculturale a corpo libero’. Ad.agio, concerto a corpo libero nasce da un’idea di Andrea Apostoli e viene realizzato per la prima volta il 5 aprile 2009 nella Sala Prove Coro dell’Auditorium Il Parco della musica, nell’ambito della stagione ‘Tutti a Santa Cecilia’ in collaborazione con l’Aigam, Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento Musicale. I concerti Ad.agio hanno l’obiettivo di avvicinare alla musica persone che non sempre si trovano nel pubblico di altri tipi di concerti, e di favorire l’ascolto a prescindere dalla “conoscenza” della sintassi musicale o della storia della musica. Un concerto ideale per chi si avvicina alla musica classica ma anche apprezzato in questi anni da chi ne è fruitore esperto e consapevole. Ogni concerto Ad.agio prevede un programma di brani nel quale si esprime un “dialogo” fra epoche, stili e linguaggi musicali. Un dialogo voluto e sempre cercato fra stili, epoche musicali, aree geografiche diversi e, allo stesso tempo, fra i musicisti che fanno parte dell’organico stabile (Violino, Violoncello, Pianoforte, Flauto e Percussioni) e musicisti invitati e spesso testimoni di musiche “altre” rispetto al concerto e al luogo dove si svolge.

Il 4 ottobre, alle 11:15 Ilenia ed Andrea Speranza con il loro laboratorio ‘Piccoli Giardinieri’, avvicineranno i piccoli partecipanti al mondo della botanica e del giardinaggio, con l’obiettivo di creare tutti insieme un piccolo giardino zen. Ovviamente il tutto con l’aiuto di giochi e della magia.

Alle 16:00 secondo laboratorio di carattere culinario, in collaborazione con il secondo sponsor della manifestazione. Dopo il Pastifico la Molisana, infatti, la Confetteria Papa ha inteso collaborare all’evento organizzando un laboratorio condotto da Antonella Silvestri, dedicato ai capolavori realizzati con le mandorle e con la cioccolata, senza trascurare importanti momenti didattici che avranno lo scopo di spiegare le proprietà dei prodotti, oltre che alle tecniche di produzione.

A seguire, il fil rouge resta la cioccolata, con lo spettacolo teatrale ‘Storia al Cioccolato’, curato da Andrea ed Ilaria Speranza, previsto per le 18:00 nell’Auditorium di palazzo Gil. La storia di un inguaribile golosone che sogna di poter mangiare tutte insieme le squisitezze della bottega del cioccolato e che si affida alla sorte di un concorso con l’augurio di vincerlo e poter entrare per mangiare cioccolata in quantità e scoprire i segreti della bottega.

Il 5 ottobre giornata dedicata ai laboratori creativi in collaborazione con la Casa Editrice Interlinea e curati da Laura Anfuso: alle 09:30, alle 11:00 ed alle 16:00 presso i locali di palazzo Gil, ‘Giocare con la natura, anche con le parole’, ‘Una frittata speciale’, ‘Una merenda speciale’. Tre incontri attraverso cui i bambini saranno stimolati nella ricerca dei sapori e degli odori, con l’obiettivo imparare a riconoscere alimenti e spezie. Il tutto, ovviamente, terminerà con la preparazione di un gustoso piatto.

Alle 18:30, evento imperdibile presso l’Auditorium della Gil con lo spettacolo di Sand Art ‘Favole di Sabbia’, curato dall’artista Stefania Bruno. La Bruno, con l’abilità delle sue dita smuoverà la sabbia posta sul tavolo retroilluminato per raccontare, ad adulti e bambini, le avventure del burattino di legno. Oltre alla sabbia, l’artista manovrerà alcune figure da lei costruite che saranno animate sul tavolo luminoso, all’interno di uno spettacolo dinamico che mira a favorire il coinvolgimento emotivo di adulti e bambini.
Durante l’intero Festival il workshop condotto da Cecilia Conti, Nat Wilms e Attila favarelli, ‘La scatola magica’. Si tratta di un laboratorio ludico e didattico, per il tempo libero di bambini e ragazzi, per imparare a fare quello che il cinema fa da quando è nato: raccontare storie.
Con La scatola magica, Cinemovel Foundation trova una nuova strada per portare il cinema e la sua magia a contatto con i più piccoli. Grazie alla forza evocativa delle immagini, dentro La scatola magica si parla di arte e creatività, di tecnologie, di temi quali la coesione sociale, il multiculturalismo o ancora l’educazione alimentare, l’eco-sostenibilità, l’importanza di assumere comportamenti responsabili.
La scatola magica nasce dall’esperienza di Cinemovel Foundation, che, con la presidenza onoraria di Ettore Scola, è impegnata da oltre dieci anni nell’ideazione e realizzazione di iniziative di cinema itinerante a livello internazionale, per l’informazione, la sensibilizzazione e la formazione delle comunità su temi quali la prevenzione sanitaria, i diritti delle donne, l’educazione ambientale e il contrasto alla criminalità organizzata.

Dunque una 5 giorni ricchissima di appuntamenti che coinvolgeranno i più piccoli, ma che incuriosiranno anche i loro accompagnatori. Colori, magia, sapori, musiche e allegria, con il fine di trasmettere ai più piccoli alcune regole alimentari, attraverso le fiabe ed i personaggi che hanno fatto la storia della letteratura per ragazzi, in un Festival per l’infanzia che finalmente anche in Molise ha trovato il giusto spazio ed il giusto sostegno anche da parte di partner privati che hanno inteso sostenere le attività che saranno totalmente gratuite, eccezion fatta per la mostra Pin’occhio che vede un biglietto di 3 euro.

Info www.counpalmodinaso.it

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2017 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.