FLASH

Sul Frecciarossa Delrio gela Ruta, ma Frattura e Nagni si dichiarano soddisfatti dell’incontro con il ministro. Quando la guerra in casa Pd corre sui binari ad alta velocità

frecciarossa FABIANA ABBAZIA

Il ministro Delrio gela il Molise nella risposta all’interrogazione del senatore molisano del Pd, Roberto Ruta, sulla questione della fermata nella città adriatica del Frecciarossa. Senza giri di parole l’esponente del Governo Renzi fa sapere che “con fermata a Termoli il Frecciarossa avrebbe tempi più o meno simili ai Frecciabianca”. La risposta di Delrio viene divulgata dallo stesso rappresentante di Palazzo Madama che aveva già definito “inaccettabile” la decisione di Trenitalia. Qualche ora dopo accade però che in una nota, il Governatore Frattura e l’assessore Nagni, fanno sapere di ritenersi soddisfatti dopo l’incontro con il medesimo ministro, con il quale sono stati condivisi “ragionamenti che portino anche Trenitalia ad andare oltre lo stretto rigore del quadro aziendalistico”. Parole queste che stridono con la risposta divulgata da Ruta e che i molisani hanno già avuto modo di leggere sulle pagine locali.

Delrio, secondo Frattura e Nagni, avrebbe infatti avuto modo non solo di “riconoscereil ruolo, la generosità e la maturità che il Molise e i molisani hanno sempre mostrato non ostacolando mai interventi e opere a favore dello sviluppo di tutto il Paese”, ma si sarebbe addirittura “impegnato a verificare direttamente con Trenitalia nuove possibili condizioni nella sperimentazione in corso per il Frecciarossa affinché la mobilità su ferro per l’alta velocità di Termoli possa raggiungere livelli sempre migliori come nel resto d’Italia”.

“Un interlocutore attento e disponibile”, lo definiscono così Frattura e Nagni l’esponente del Governo Renzi, nonostante lo stesso nella risposta al senatore Ruta abbia semplicemente paventato una remota possibilità di far considerare la fermata di Temroli da Trenitalia solo “al termine della fase di sperimentazione, quando l’azienda verificherà gli obiettivi previsti di profittabilità in ragione dei volumi di traffico effettivi”.

Opportunità di fatto annullate nel ragionamento sui tempi che lo stesso Delrio compie, sempre nella risposta all’interrogazione di Ruta, quando sostiene come, con la fermata a Termoli si avrebbero tempi simili a un Frecciabianca, dato che il risparmio consistente sui minuti lo si può considerare soltanto lì dove c’è la linea ad alta velocità, ovvero tra Milano e Bologna.

Dunque, alla luce di una diversa interpretazione su una questione così cara ai molisani e in modo particolare ai pendolari, appare lecito chiedersi se non sia proprio la guerra in casa Pd, che vede Frattura e Ruta schierati ai due poli opposti del partito, ad aver condizionato il duplice senso dato alla reazione sulla vicenda del Frecciarossa del Governo Renzi.

Una domanda del tutto legittima, così come sembra concessa ai molisani la possibilità di perdere le speranze sulla dibattuta fermata del Frecciarossa a Termoli.

 

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2318 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.