FLASH

Scandalo nel mondo del calcio meridionale. La Dda di Catanzaro ferma 50 persone tra presidenti, dirigenti e calciatori: tra loro anche l’ex direttore sportivo del Campobasso, Vincenzo Nucifora. Coinvolto anche l’ex Isernia, Emanuele Marzocchi

nuciforaL’ex direttore sportivo del Campobasso, Vincenzo Nucifora, è stato fermato questa notte, insieme ad altre 49 persone, a seguito dell’operazione ‘Dirty soccer’, dalla Squadra Mobile di Catanzaro-Sco e dalla sezione centrale operativa della Polizia di Stato di Roma, su disposizione della Dda di Catanzaro.

I 50 fermati sono accusati di aver truccato partite di serie B, Lega Pro e serie D e le forze dell’ordine hanno operato in ben 10 regioni: Lombardia, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Abruzzo, Campania, Puglia e Calabria.

I reati contestati vanno dalla frode in competizione sportiva alla truffa, a cui si aggiunge (inedito per il mondo del calcio) l’aggravante mafiosa.

Il campionato dilettanti, secondo l’ipotesi del sostituto procuratore Elio Romano, sarebbe stato pilotato da una ‘cupola’ che avrebbe deciso i risultati delle partite, al fine di far vincere il torneo al Neapolis, realizzando inoltre vincite con scommesse sportive; quest’ultime, secondo gli inquirenti, venivano effettuate dopo aver corrotto alcuni calciatori e dirigenti dei club coinvolti.

Insieme all’ex direttore sportivo del Campobasso nella stagione 2009/2010, Vincenzo Nucifora, fermati, tra gli altri, volti noti del calcio meridionale, come l’ex calciatore dell’Isernia, Emanuele Marzocchi; il presidente del Neapolis, Mario Moxedano, il figlio Raffaele, che segnò nell’1-1 tra il Campobasso e i campani il 7 febbraio 2011; Ercole Di Nicola, direttore sportivo dell’Aquila; due allenatori, Marco Tosi (Pro Patria) e Ninni Corda, attuale trainer del Barletta.

giusform

comments

Tag: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati

© 2017 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.