FLASH

L’allenatore Vincenzo Cosco affida a una lettera i suoi ringraziamenti: “Il calore delle persone mi aiuterà nella battaglia contro il cancro. A prescindere da tutto, ringrazio anche Dio”

L'allenatore Vincenzo Cosco

L’allenatore Vincenzo Cosco

L’allenatore molisano Vincenzo Cosco, che alla Vigilia di Natale ha scoperto di dover lottare nuovamente contro il cancro, dopo averlo già debellato 18 anni fa, ha affidato a una nuova lettera, che riportiamo integralmente, i suoi ringraziamenti per il calore ricevuto nell’ultima settimana.

“L’affetto che mi avete dimostrato in questi giorni mi ha dato la carica per andare avanti nella mia battaglia contro il cancro. Non immaginavo di suscitare tanto clamore e il calore che ho avvertito è stato per me importante. So che nei tempi supplementari di questa partita, oltre a poter contare sulla medicina e sulla fede, potrò fare affidamento sulle tante persone che mi sono state vicine nell’ultima settimana.

Affido a una nuova lettera i miei ringraziamenti, che vanno a tutti coloro che hanno raggiunto la mia cittadina, Santa Croce di Magliano, in provincia di Campobasso, solo per un saluto, ma anche a tutti coloro che mi hanno incoraggiato, utilizzando facebook, la posta elettronica, gli sms, i commenti agli articoli delle testate online e ai vari post e tweet, che in questi giorni hanno invaso le bacheche di tantissime persone.

Ho letto tutti i messaggi che mi sono arrivati e ognuno ha avuto, per me, un significato particolare. Li ho letti con molta attenzione, pur non riuscendo a rispondere. Mi hanno inorgoglito i messaggidei colleghi, di coloro che lavorano nel calcio e di tutti i club che mi hanno dedicato una nota sui propri siti ufficiali: significa che qualcosa avrò pur dato a quello che è stato il mio mondo per quaranta anni e spero che continui a esserlo ancora a lungo.

Il messaggio di incoraggiamento dei Giovanissimi della Lazio

Il messaggio di incoraggiamento dei Giovanissimi della Lazio

Un sentito grazie va al presidente della Lega Pro, Mario Macalli, uno dei primi a telefonarmi non appena la notizia della mia malattia è iniziata a circolare. Mi ha incoraggiato, ma quello che ho apprezzato maggiormente è stato il fatto che la sua chiamata non è stata solo formale. Il presidente Macalli, infatti, oltre a mettersi a completa disposizione, mi ha anche raccontato la sua esperienza, molla propulsore per la mia tenacia e forza che dovrò impiegare in questa battaglia.

Ringrazio i miei calciatori della Torres: vedo e rivedo il video dei ragazzi, perché in fondo una squadra è l’anima dell’allenatore. Non a caso i miei uomini hanno utilizzato nel video-messaggio quello che io ho provato a inculcar loro nell’ultimo mese e mezzo. E io riparto dal loro messaggio: “L’uomo che combatte non perde mai”. E io combatterò con tutte le mie forze.

Un grazie particolare a Gianfranco Zola: le sue parole mi hanno dato fiducia e coraggio. Quello che ha detto è rimasto impresso nella mia mente e lo ringrazio per aver pensato a me, prima ancora che al Cagliari, alla conferenza stampa della sua presentazione.

Gianfranco, spero che, quanto prima, riuscirò a incontrarti per ringraziarti di persona. E, nell’occasione, rivolgo io l’in bocca al lupo a te e al Cagliari, perché per la Sardegna è importante continuare ad avere una squadra in serie A. Parlando della massima serie nazionale, ringrazio anche la Lega che mi ha dedicato la copertina con la frase del giorno.

Sono state dimostrazioni d’affetto che porterò con me nelle corsie dell’ospedale, dove mi affiderò alle cure del dottor Luigi Schips, il quale mi aiuterà a debellare e avere la meglio sul male che ha invaso nuovamente la mia corazza. L’urologo teatino mi opererà nella terra, l’Abruzzo, dove ho vinto il mio primo campionato nazionale. E, siccome io credo molto nel destino e in San Pio, non potevo non notare che il dottor Schips, Primario degli ospedali di Lanciano e Chieti, dirige l’area urologica dell’Ospedale ‘San Pio da Pietrelcina’ di Vasto. Il dottor Schips, comunque, non sarà l’unico che seguirà le mie cure, perché sono anche nelle mani dell’oncologo Gaetano Lanzetta. L’Italia ha delle menti eccelse e io mi sono rivolto a chi, nell’ambito della medicina, rappresenta un orgoglio per il Belpaese.

Ho trovato due professionisti di spessore e affiderò a loro le mie possibilità di tornare a coltivare quel sogno chiamato calcio e a vedere i miei figli crescere. Senza tralasciare il calore delle migliaia di persone che mi sono state vicino e, soprattutto, quella fede che già una volta, per me, è stata decisiva.

Grazie ancora a tutti e, rivolgendomi a Colui che ci guida da lassù, non posso che dire, a prescindere se a segnare il golden-gol dei tempi supplementari della partita più importante sarà Vincenzo Cosco o il cancro, “Architetto, grazie per questo momento”: mi ha aiutato a riscoprire ciò che è davvero importante nella vita di una persona. Farò tesoro anche di questo insegnamento.

Aspettatemi (questa volta mi rivolgo al mondo del calcio) perché proverò a tornare ancora in mezzo a voi”.

Vincenzo Cosco

comments

Tag: ,

Condividi questo articolo

Articoli correlati

Una Risposta to "L’allenatore Vincenzo Cosco affida a una lettera i suoi ringraziamenti: “Il calore delle persone mi aiuterà nella battaglia contro il cancro. A prescindere da tutto, ringrazio anche Dio”"

  1. donato scrive:

    Bellissimo artico , commovente, per chi ti conosce sa che farai di tutto per ritornare nel tuo Mondo!!!!! Ti faccio un in bocca al Lupo, a risentirci abbia fede !!!! Forza Vincenzo NON MOLLARE MAI!!!

© 4441 CBlive | La città di Campobasso in diretta. Tutti i diritti riservati.
site by CBLive.it.